Le rovine

"Le rovine non le temiamo. Erediteremo la terra. La borghesia dovrà farlo a pezzi il suo mondo, prima di uscire dalla scena della storia. Noi portiamo un mondo nuovo dentro di noi, e questo mondo, ogni momento che passa, cresce. Sta crescendo, proprio adesso che io sto parlando con te"

Buenaventura Durruti

lunedì 21 agosto 2017

Riflessioni di un frusinate che dovrà vendersi pure le mutande.

Luciano Granieri




La piega che ha preso il governo della città, guidata del  rinnovato sindaco Ottaviani, è all’insegna della coerenza con la  sua consiliatura precedente . I due recenti  provvedimenti:  quello  sulla lotta alla prostituzione -che   muove  nel senso di un moralistico decoro, non verso un contrasto allo sfruttamento femminile - e l’altro,  che potremmo ribattezzare “dagli all’immigrato invasore di  panchine   borghesi”, sono il risultato di un becero indirizzo gastro-populista che ha sempre contraddistinto l’amministrazione Ottaviani. 

Nonostante ciò, da quanto si apprende dalla stampa locale, i frusinati continuano ad andare tranquillamente a puttane, in tutti i sensi, e al numero verde (che è a pagamento), istituito per denunciare eventuali sopraffazioni  perpetrate dagli "occupanti abusivi di panchine del centro storico", ai danni di  membri della nostra collettività, non è giunta alcuna segnalazione. Quest’ultima è una buona notizia perché dimostra, o che non esiste alcuna sopraffazione, o che i cittadini frusinati sono un po’ più civili del loro sindaco e non se la sentono di darla addosso al bistrattato  Django panchinaro. 

Al di là di tali  misere boutade, resta in piedi la questione seria dei soldi. Nell’ultimo consiglio comunale, prima delle ferie, si è discusso del bilancio previsionale per il 2017.   Dalla relazione presentata dal dirigente del settore finanze sugli equilibri di bilancio, si evince che  anche le saccocce dei frusinati andranno  presto  a puttane. 

A tal proposito ricordiamo ai più distratti  che il comune di Frosinone è in  piano di riequilibrio economici e finanziario. Come i più assidui lettori di chi scrive ricorderanno alla fine della consiliatura Marini (2012) la Corte dei Conti ha rilevato una massa passiva di oltre 14milioni di euro accumulata dall’ente. Per ripianare tale passività si poteva ricorrere a due procedure:  il dissesto finanziario, con il commissariamento, di fatto, del Comune da parte dei giudici contabili, o il predissesto, nonché piano di riequilibrio economico e finanziario, in cui il sindaco conserva i pieni poteri, ma deve concordare un programma di rientro con la Corte dei Conti.

 Nel primo caso la procedura  si sviluppa in  5 anni con la certezza che comunque il bilancio verrà risanato.  Nel secondo caso il piano di rientro dura 10 anni, ma non è detto che  in questo periodo, dal momento che è il sindaco a comandare i giochi, l’ente riesca a ripianare l’ammanco. Potrebbe quindi accadere che    dopo 10 anni di politiche lacrime e sangue ai danni dei cittadini, i debiti non siano estinti e si attivi la vera e propria procedura di dissesto con altri 5 anni di feroce  austerità.

Come è noto il sindaco Ottaviani nel 2013 scelse la via del piano di riequilibrio economico e finanziario che durerà fino al 2022. E come stanno le cose oggi? Riusciremo nel 2022 a risolvere la questione, o ci aspetteranno  altri 5 anni di macelleria sociale? Non siamo la Corte dei Conti,   siamo dei semplici cittadini, però confrontando la relazione del dirigente del settore finanze del luglio 2017  con il piano concordato nel 2013 fra l’ente e i giudici contabili, è possibile  azzardare un’analisi.

SITUAZIONE DI CASSA:
Il dirigente del settore finanze, nel documento consegnato ai consiglieri, rileva come la situazione contabile presenti un considerevole valore negativo, nonostante gli incassi già realizzati (IMU FSC),   con un’anticipazione di fondi da parte della tesoreria pari a 2milioni di euro. La situazione non migliorerà nemmeno con le entrate della TARI. Tali anticipazioni sono dovute alla copertura di somme già impegnate dal Comune a fronte di finanziamenti che la Regione Lazio dovrà versare ma che ancora non ha provveduto ad erogare. Il dirigente osserva, peraltro, come l’impegno degli uffici competenti per ottenere i finanziamenti regionali sia stato più che scarso e comunque inadeguato ad incassare  quanto dovuto dalla Pisana. 

Nel Piano di riequilibrio economico e finanziario l’ente s’impegna a realizzare nel 2017, un avanzo di parte  corrente (cioè un eccedenza delle entrate in tasse rispetto alle uscite per spese) pari a 1.181.495. Una vera e propria chimera, considerato che oggi stiamo, quanto meno, 2milioni sotto. Come situazione di cassa dunque la realtà si discosta e anche di molto rispetto all’obiettivo concordato  nel piano della Corte dei Conti.

DEBITI FUORI BILANCIO:
Nel più volte citato piano di riequilibrio economico e finanziario per l’esercizio 2017 i debiti fuori bilancio sono pianificati  per    un importo pari a 900 mila euro, con l’impegno di azzerarli del tutto nel 2018. La realtà, invece parla di una somma molto più elevata, quasi 1milione e 400mila euro. Ma il fatto più grave è che questo ammontare è determinato da poste che non dovrebbero essere inserite in questa voce. Il dirigente del settore finanze, sottolinea come i debiti fuori bilancio dovrebbero servire a coprire spese improvvise, determinate da calamità naturali, ristrutturazioni di immobili lesionati, incombenti esigenze sociali. 

Nel caso del comune di Frosinone, invece, questa posta è usata per coprire spese ampiamente programmate,  tutt’altro che urgenti e improvvise, pensiamo ai festini e alle sbicchierate varie. Inoltre permane il vizio di rinviare  la contabilizzazione dei  debiti fuori bilancio   agli esercizi successivi, mandando a monte la promessa di un azzeramento per il 2018. Un procedura del tutto avversa a quanto stabilito dalla Corte dei Conti, non solo nell’accordo stipulato con il Comune nel 2013.  

Le criticità espresse del dirigente dell’ufficio contabile non finiscono qui, ma le due voci analizzate  mostrano chiaramente  come l’ente non stia rispettando il piano di riequilibrio economico e finanziario. Nonostante il Comune di Frosinone, in relazione alla TARI, sia uno dei più esosi, non erogando per altro un servizio efficace ( siamo solo al 18% di raccolta differenziata), nonostante, proprio nell’ultimo consiglio comunale sia stato approvato un aumento dell’IMU/TASI pari a 800mila euro, la situazione contabile si discosta notevolmente da quanto previsto nel piano di riequilibrio economico e finanziario. 

Per il 2017 si doveva realizzare un avanzo di 1milione e 800mila euro e invece siamo in disavanzo almeno di due milioni. I debiti fuori bilancio dovevano essere contenuti in 900mila euro ed invece pare consistano in 1milione e 400mila con la prospettiva di non azzerarli nel 2018. 

Ora  La domanda sorge spontanea in questa situazione siamo  sicuri   che nel 2022 il predissesto non   si strasformi in dissesto?    Dopo 10 anni di disastri sociali sacrificati sull’altare di un’amministrazione sciagurata  tesa ad ottenere solo consensi, ci dovremo vendere pure le mutande? (per chi ancora ce l’ha).  Si  sa noi siamo germi di un’estrema sinistra volgare e disfattista. Supr Nik penserà a tutto, dall’alto dei suoi super poteri, e magari di uno scranno parlamentare  così almeno la vedono i suoi numerosi fan.


  Per chi ha voglia e pazienza propongo un video editato da nel 2016 dove si prova a spiegare la situazione in termini politici, oltre che economici.
Buona Visione.

domenica 20 agosto 2017

Libano: scoperte armi di fabbricazione americana in un nascondiglio lasciato dai terroristi di Al-Nusra

fonte : Press TV 

traduzione di Luciano Granieri

 

La foto mostra, probabilmente,  le armi scoperte nel  nascondiglio  lasciato dai miliziani di Takfiri Jabhat Fateh al-Sham in una zona a nord est del territorio libanese.

L’esercito libanese ha scoperto un nascondiglio di armi lasciate, in un’area situata a nord est del Paese,   dai guerriglieri sconfitti di Takfiri Jabhat Fateh al-Sham, un   gruppo di terroristi   precedentemente   noto come Al-Nusra, 

L’agenzia di stampa nazionale  libanese (NNA), citando un anonimo dirigente, membro della direzione generale della General Security, ha riportato venerdì scorso la notizia secondo cui,   in una perlustrazione degli apparati di intelligence,  è stato rinvenuto un deposito nascosto di  munizioni e missili nella Wadi Hamid Valley, ad est della città di confine di Arsal.  Non sono stati forniti ulteriori dettagli.

Anche  la Reuter ha citato una fonte di sicurezza anonima, come soggetto  che ha diffuso la notizia secondo cui il deposito avrebbe contenuto almeno un missile terra-aria  (SAM),  un certo numero di missili anticarro TOW di fabbricazione americana, così come altri tipi di granate e razzi in abbondanza.

Le successive foto del deposito nascosto sono state fornite dall’agenzia di sicurezza libanese.


















































Il 29 luglio scorso comandanti del movimento di resistenza libanese Hezbollah, hanno  riferito di aver  concluso con successo una lunga settimana di offensiva militare contro Al-Nusra alla periferia di Arsal e nella vicina città di Filta in Siria, terra imprigionata  in un'area  accidentata e montagnosa  , e di aver ucciso almeno 150 terroristi.






















Le immagini, riprese  il 17 agosto 2017 durante una ricognizione guidata dall’esercito libanese, mostrano dei soldati che presidiano una postazione in una zona montagnosa vicino il villaggio orientale di Ras Baalbek, durante una operazione antiterrorismo. (Via AFP). 

Nell’agosto 2014 il  gruppo di terroristi di Al-Nusra e Daesh Tafkiri, invase la città di Arsal al confine nord est del Libano uccidendo un certo numero di combattenti della forza libanese. Presero  anche in ostaggio 30 soldati, ma  la maggior parte  di loro fu rilasciata.

Da allora Hezbollah ed esercito libanese hanno difeso il Libano lungo il suo confine nordorientale.

Gli sviluppi di venerdì scorso sono conseguenti all’azione dell’esercito libanese finalizzata allo  smantellamento   dei nascondigli di Daesh collocati lungo il confine siriano negli ultimi giorni, dopo che questo aveva riconquistato   molte aree precedentemente occupate dai terroristi. Tali sviluppi emergono  anche dopo le accuse  mosse da parte della Siria agli Stati Uniti e al Regno unito di fornire armi chimiche ai terroristi attivi nel paese.

Sabato 19 agosto 2017

IL VUOTO POLITICO DELLE MENTI ED IL TERRORISMO CHE SI RICHIAMA AD ALLAH

Umberto Franchi


- l"Italia ha conosciuto il terrorismo politico soprattutto con le stragi fasciste degli anni 70... finalizzate a bloccare le lotte in atto a qell'epoca, che avrebbero portato ad un radicale cambiamento con la fine delle disuguaglianze e una trasformazione sociale, culturale, civile del nostro Paese ;

- Quei movimenti di lotta nati in tutto il mondo nel lontano 1968 e che in Italia sono durati per circa 15 anni... sono stati sconfitti ... in tutti i Paesi del Mondo e con il crollo del muro di Berlino e della "diga" del comunismo "reale" .. si e" diffuso un unico sistema speculativo, finanziario, capitalista, liberista, imperialista, consumista.... senza più sviluppare battaglie significative generalizzate anti-sistema capitalista;

-Questa realtà, da un lato è riuscita a carpire il consenso di molti... a stabilire il trionfo delle disuguaglianze e delle ingiustizie.... ma , a parte alcune sacche di resistenza della sinistra radicale sempre più divisa ed impotente , ha anche creato un vuoto nell'identificazione di un progetto economico, sociale, civile alternativo a quello capitalista, con ricadute di inciviltà sul piano culturale, con la crescita del razzismo, fascismo, egoismo, menefreghismo , e  da un altro lato ha indotto  il rifugio nella irrazionalità delle religioni e dell'autodistruzione propria e degli altri... quando uccidono lo fanno a nome di Allah (Dio) cercando di dare un senso al proprio vuoto mentale ;

- il terrorismo odierno "islamista" non ha un progetto di società alternativo... uccidono perchè  odiano l'occidente ...ed è  figlio di chi ha sconfitto il movimento di lotta globale per cambiare il mondo: del capitalismo, dell'imperialismo ...dei poteri forti economici/speculativi!

sabato 19 agosto 2017

Propaganda del governo a guida PD sui dati Istat sull’occupazione e dello sviluppo del sud Italia.

Federazione di Frosinone,Dipartimento Lavoro  PRC –SE. 



Il Titolo della relazione dello Svimez è questo: “Il mezzogiorno consolida la ripresa permane l’emergenza sociale”.

La relazione pone l’accento sul fatto che se pur qualche crescita c’è stata in fatto di PIL ed occupazione, questa non hanno inciso sulla stato dell’emergenza povertà ed occupazionale, in particolare quella giovanile.

I dati Istat sull’occupazione e sui dati dello Svimez, diffusi dagli istituti nel mese di luglio, dimostrano che le politiche del Lavoro messe in campo dal governo a guida PD non sono sufficienti per far ripartire il paese e invertire la controtendenza rispetto al resto d’Europa.

Il dato impressionante da rilevare, che il governo omette di rivelare, è l’occupazione giovanile, che in 
Italia è ferma al 35%: un terzo dei giovani è disoccupato!!!

In Europa la media europea è il 16%, con la Germania al solo 6,7%, peggio di noi solo la Spagna e la Grecia. In generale la disoccupazione in Italia si attesta al 11,1% al terzultimo posto in Europa, anche qui, peggio di noi solo la Spagna e Grecia.

Dati impressionanti, che non lasciano scampo ad una paese, l’Italia, che sembra staccarsi di fatto dall’Europa. Ma non solo per colpa di Bruxelles, sempre citata per comodità di attribuzione di responsabilità, ma per ragioni riconducibili alle azioni governative italiane che nulla mettono in campo per ridare dignità ai giovani e alla crescita.

Rispetto ad inizio anno l’occupazione in Italia cresce di 64mila unità, con la prevalenza di contratti a termine concentrati, così scrive l’ISTAT, quasi esclusivamente tra gli ultra 50enni e anche per gli effetti dell’allungamento dell’età pensionabile.

E preoccupante quanto dichiara l’istituto: “si conferma il ruolo predominante degli ultracinquantenni nello spiegare la crescita occupazionale, anche per effetto dell’aumento dell’età pensionabile. Il calo della popolazione tra 15 e 49 anni influisce in modo decisivo sulla variazione dell’occupazione nei dodici mesi in questa fascia di età, accentuando il calo per i 15-34enni e rendendo la variazione negativa per i 35-49enni. Al contrario la crescita della popolazione degli ultracinquantenni ne amplifica la crescita occupazionale, con un conseguente aumento del divario generazionale.

Insomma: i figli disoccupati e i genitori , zii e nonni a lavoro!!!

Che dire della tanto sventolata occupazione femminile da parte dell’On. Boschi ?
Anche qui siamo gli ultimi in Europa, con un divario spaventoso tra la media europea e i dati Italiani: la media europea è del 61,6%, con capofila la Germania al 71% e l’Italia al 48%, ben lontana dall’occupazione maschile che si attesta al 66%.

Lo spiega bene la neo segretaria della Fiom-CGIL Francesca Redavid in una intervista al manifesto: “solo lavoro povero per le donne in Italia”. Lo hanno raccontato le donne con lo sciopero internazionale dell’8 Marzo 2017 organizzato in italia da I sindacati Usi, Slai Cobas, Cobas, Confederazione dei Comitati di Base, Usb, Sial Cobas, Usi-Ait, Usb, Sgb, Flc e Cgil , al quale Il PRC-SE ha aderito convintamente, quale è lo stato di arretratezza del lavoro femminile in Italia, distrutto a colpi di macete dalla Fornero e dal governo Renzi.

Non si capisce quindi come possa gioire, con tanto di intervista in pompa magna, il ministro De Vincenti e relativi spettacoli pirotecnici  mediatici del PD, dei dati diffusi dallo Svimez?
Nella sua relazione Svimez reclama un ricorso a strumenti contro la povertà, ad un aumento di investimenti dello stato nel centro sud, fissandone una percentuale equa nel 34% come quota di spesa in conto capitale del totale degli investimenti nazionali.

Gli investimenti vanno utilizzati per adeguate e modernizzate le infrastrutture e in particolare quelle portuali, al fine di far ripartire l’industria e l’occupazione.

Istituire zone ZES (Zone Economiche Speciali) al fine di favorire lo sviluppo e l’infittimento del tessuto produttivo attraendo investimenti da ogni parte del paese.

Infine, lo Svimez conclude dicendo.“abbandonare le politiche di austerità, rivedendo il Fiscal compact con l’obiettivo di rilanciare investimenti pubblici ed assumere il mediterraneo come orizzonte strategico”.

A questa fotografia del paese che l’Istat e lo Svimez ci ha consegnato nel mese di Luglio.
Noi esprimiamo preoccupazione per la provincia di Frosinone, che sembra brillare non per eccellenza negativa nel panorama nazionale.

Il PRC-SE della provincia di Frosinone, ritiene prioritario e si impegna a sostenere con tutte le sue forze, la proposta del comitato “Vertenza Frusinate” al fine di istituire un Reddito minimo garantito nella regione Lazio.

giovedì 17 agosto 2017

VACCINI – UN PARERE SCIENTIFICO.

  Società Italiana di Psico neuro endocrino immunologia



LA POSIZIONE DELLA SIPNEI SULLA LEGGE SUI VACCINI E SUL DIBATTITO ANCORA IN CORSO

Abbiamo atteso a prendere una posizione, sia come Società scientifica sia come singoli, perché, a nostro avviso, s’è infiammato un dibattito di scarso valore scientifico, tendenzioso e, a tratti, estremamente violento. La responsabilità della bagarre è di chi rifiuta i vaccini tout court con motivazioni extra-scientifiche (“è l’industria che condiziona il governo”) e, talvolta, schiettamente antiscientifiche (“I vaccini causano solo danni alla salute”), ma, lo diciamo con rammarico, è anche di chi avrebbe dovuto collocare la discussione pubblica su un terreno pacato, razionale e confortato da prove. Istituzioni scientifiche, professionali e singole personalità, con l’amplificazione dei media, hanno dato una pessima prova, adottando un atteggiamento paternalistico, dogmatico e, a un tempo, di allarme sociale, bollando con marchio d’infamia tutti coloro che, anche in sede professionale e scientifica, hanno espresso valutazioni articolate e di merito sui singoli vaccini (efficacia, dinamica, costi-benefici etc.), fino al punto da sottoporre a procedimento disciplinare, conclusosi con la radiazione dagli Albi, alcuni medici critici.
Non condividiamo questo comportamento e invitiamo le istituzioni scientifiche e professionali, i docenti e gli operatori a svolgere con misura e rigore il loro insostituibile ruolo di autorevoli e indipendenti agenzie di informazione scientifica al servizio della collettività.
Segnaliamo inoltre che, nel furore della polemica, alcuni esponenti dell’Accademia hanno diffuso una visione della scienza di stampo dogmatico, con il risultato paradossale, a nostro avviso, di produrre un rafforzamento, invece che un indebolimento delle convinzioni di tipo anti-scientifico presenti nella popolazione.
In questo modo, è stato prodotto un danno enorme alla diffusione della cultura scientifica del nostro Paese, che già soffre di ritardi storici a livello di massa. Non si difende e non si diffonde la cultura scientifica adottando il modello medievale dell’“ipse dixit”, dell’autorevolezza della cattedra, bensì mostrando la bellezza del metodo scientifico, che è uno dei migliori esempi di pensiero critico, dialettico, democratico, aperto e, per queste caratteristiche, dotato di grande forza persuasiva.
Solo una scienza che ottenga i suoi risultati adottando una procedura trasparente e che li condivida con la società tutta, è in grado di conquistare la partecipazione convinta dei cittadini alle proposte di politica sanitaria che ispira. È comunque un dato oggettivo che i vaccini siano una risorsa di prevenzione sanitaria assolutamente preziosa. La storia mondiale delle malattie infettive lo dimostra con forza, con il debellamento di malattie importanti come il vaiolo, la poliomielite e la difterite. Altri vaccini non ancora disponibili (come ad esempio quelli per la malaria e per l’AIDS) sono oggetto di intensa ricerca e sarebbero altamente auspicabili.

 UN’ANALISI CRITICA DELLE PROCEDURE E DELLE DECISIONI POLITICHE SUI VACCINI

La decisione governativa di estendere l’obbligatorietà delle vaccinazioni che, in una prima fase, è stata scagliata come un diktat sulla società, minacciando di estendere ai genitori critici le stesse pene inflitte ai medici critici e cioè la sospensione della potestà genitoriale, anche nella versione modificata uscita dal dibattito parlamentare, che pur ha tagliato le unghie al furore della Ministra della salute, a nostro avviso, non regge ad un esame ravvicinato dei dati e delle premesse su cui si fonda.
 I dati
La premessa su cui si fonda la decisione governativa è che saremmo in presenza di forti rischi per la collettività essendosi pericolosamente abbassati i tassi di copertura vaccinale, che non garantirebbero la cosiddetta “immunità di gregge”. I dati portati a sostegno riguardano la diffusione del morbillo nel nostro Paese, che nello scorso anno e nell’anno in corso sarebbero a livelli eccezionalmente alti. La serie storica dei dati degli ultimi anni e il suo paragone con paesi europei simili, pur senza sottovalutare l’andamento dell’infezione, non confermano l’eccezionalità dell’attuale diffusione del morbillo. Al 16 luglio 2017 (ultimo dato disponibile al momento della redazione di questo documento) si sono registrati 3672 casi1 , in tutto il 2013 i casi sono stati di meno (2258), ma nel 2011 sono stati di più (4671). C’è da notare che il massimo della copertura vaccinale si è registrato tra il 2008 e il 2012. In Francia nel 2011 ci sono stati quasi 15.000 casi di morbillo con una copertura vaccinale superiore al 90% e ad oggi il morbillo è endemico in molti paesi europei tra cui Germania, Belgio, Svizzera, Francia, Polonia, Romania e altri.
Non risulta che Francia, Germania, Svizzera, Belgio abbiano introdotto l’obbligatorietà della vaccinazione MPR (Morbillo Parotite Rosolia), pur essendo attivamente impegnati nel controllo della diffusione di questi agenti infettivi.
L’immunità di gregge
La premessa scientifica, su cui si fonda la decisione dell’estensione dell’obbligatorietà vaccinale, che è costituita dalla cosiddetta “Immunità di gregge”, secondo cui “è necessario raggiungere il 95% della copertura vaccinale per ottenere l’effetto gregge” e cioè la protezione totale della popolazione, presenta molte falle. In primo luogo, i vaccini non sono tutti uguali. Ci sono vaccini per patologie che non sono trasmissibili da soggetto a soggetto, come il tetano (ad eccezione del caso rarissimo della trasmissione madre-neonato). Quindi il vaccino antitetanico non genera immunità di gregge essendo l’agente infettivo non trasmissibile per contagio interindividuale. In secondo luogo, ci sono vaccini, che, sia per la bassa immunogenicità (che quindi causa una quota rilevante di vaccinati che non rispondono) sia per la scarsa durata dell’immunizzazione anche nei responders, non sono in grado di bloccare la trasmissione dell’agente infettivo. Al riguardo, un esempio molto studiato è il vaccino acellulare contro la pertosse, che presenta un elevato numero di non responders, la cui efficacia negli stessi responders svanisce già dopo 2-3 anni dalla vaccinazione2 . Ma anche il caso del morbillo, che pure ha un’elevata trasmissibilità e che stimola una forte risposta anticorpale, non consente di concludere che una copertura vaccinale del 95%, che è quella indicata per il cosiddetto “effetto gregge”, possa bloccare la trasmissione virale, come dimostrano alcuni casi riportati in letteratura.
Per esempio: la Cina, che ha una copertura vaccinale del 97%, segnala ancora focolai di morbillo 3 ; il Belgio, dove un recente focolaio di morbillo è intervenuto in Vallonia, una zona del Paese ad elevata copertura vaccinale (superiore al 95%) 4  . Emblematici gli esempi del Portogallo 5 e della Repubblica Ceca. In Portogallo il recente focolaio si è manifestato in regioni ad altissima copertura vaccinale, dopo 12 anni di scomparsa dei casi di morbillo, al punto che nel 2015 e 2016 il Portogallo era stato dichiarato libero dal morbillo. Interessante, al riguardo, segnalare che sono state infettate sia persone non vaccinate sia persone vaccinate, con due o più richiami per MPR o singolo.
Stessi fenomeni si sono registrati negli Stati Uniti d’America che, dal lontano 2000, erano stati dichiarato liberi dal morbillo e che invece registrano casi di morbillo sia in non vaccinati che in vaccinati6 . Così come in Corea, dichiarata libera dal morbillo nel 20147 . Questi dati pongono interrogativi sia sull’effetto gregge (i non vaccinati in questo caso non sono stati protetti dal gregge vaccinato) sia sull’efficienza e sulla durata della protezione immunitaria offerta dal vaccino antimorbillo. Al riguardo, esemplare è il caso della Repubblica Ceca, che ha introdotto la vaccinazione antimorbillosa nel 1969. Uno studio recente8 mostra che solo la quota della popolazione ante-vaccinazione (con più di 50 anni di età) ha una presenza di anticorpi specifici (IgG) che riguarda praticamente tutte queste classi di età (>96%). Queste persone non vaccinate avevano incontrato l’agente infettivo, sia manifestando che non manifestando il quadro sintomatologico del morbillo, ma registrando tutte un’immunizzazione naturale, persistente nel tempo. Le persone vaccinate invece, presentavano un’immunizzazione che oscilla tra il 61 e il 75%: quindi nei trentenni e quarantenni, vaccinati per il morbillo nell’infanzia, 3-4 persone su 10 non producono una risposta adeguata all’infezione. Insomma, anche il vaccino antimorbillo, con gli anni, tende a perdere la sua efficacia, come dimostra l’altro dato di questa ricerca relativo alla classe di età 18-29 anni che mostra sieropositività dell’81%, che poi viene perduta nel tempo.
Questo fondamentalmente perché l’immunizzazione naturale, a differenza di quella indotta dal vaccino, causa una stimolazione immunitaria prolungata nel tempo9,10 , che consente al linfocita B di adattare il recettore con la massima affinità per l’antigene, selezionando una popolazione di cellule B memoria a lunga vita, capaci di rispondere in modo rapido ed efficace al successivo incontro con l’agente infettivo.
Sempre riguardo alla vaccinazione antimorbillo, segnaliamo un dato che meriterebbe una riflessione specifica: in tutti i focolai identificati in Europa e in USA, c’è sempre una quota di bambini infettati con meno di un anno di vita, un’età a rischio, in cui ancora non è raccomandata e praticata la vaccinazione antimorbillo. Il bambino, in questo periodo critico, può ricevere una protezione dalla madre che gli trasmette i suoi anticorpi antimorbillo. Il fatto è che le donne immunizzate naturalmente trasmettono una quantità di anticorpi nettamente superiore a quella delle donne vaccinate. La differenza della presenza di anticorpi anti morbillo, in bambini nati da madri che hanno subito il contagio rispetto ai nati dalle vaccinate, è netta e rintracciabile per lo meno fino all’età di 5 mesi. Quindi, donne che, nella loro infanzia, si sono vaccinate contro il morbillo potrebbero non trasmettere un’adeguata protezione anticorpale ai propri figli nel primo anno di vita, a differenza delle donne che hanno contratto un’immunizzazione naturale11 . Infine, in aggiunta agli argomenti sopra indicati, occorre registrare che l’informazione che è stata
, sulle percentuali di copertura vaccinale necessarie per raggiungere il cosiddetto “effetto gregge”, è assolutamente parziale e quindi, sostanzialmente, non veritiera. Secondo fonti ufficiali (Organizzazione mondiale della sanità e Istituto Superiore di Sanità), le coperture vaccinali critiche per l’immunità di gregge sono altamente variabili: il fatidico 95% viene indicato solo per il morbillo. Come abbiamo già notato, questa soglia non garantisce in modo assoluto l’effetto gregge, ma è bene sapere che per la poliomielite, le istituzioni citate danno come copertura necessaria 80-86%; per la parotite 75-86%; per la rosolia 83-85%; per l’ Hemophilus infl. B il 70%12,13 .
 CONCLUSIONE SULLA LEGGE.
Pur scontando il fatto che,  se attorno al bambino non immunizzato per un certo agente infettivo esistono numerose persone non immunizzate, la probabilità del bambino stesso di contrarre quell’infezione sono maggiori, da qui non si può trarre la conclusione dell’obbligo per 10 vaccini, che, da quanto argomentato, si mostra non solo inopportuna, ma anche infondata sul piano scientifico, poiché lo Stato può chiedere alla persona (o al suo tutore) la violazione della libertà individuale, riguardo alla propria salute, se dimostra che le misure obbligatorie servono a scongiurare un rischio collettivo riferito ai singoli vaccini proposti. Da quanto abbiamo scritto, è errato mettere tutti vaccini sullo stesso piano: alcuni di loro non producono alcun “effetto gregge”, altri conferiscono un’immunità che deperisce nel tempo. Ma per proporre una strategia vaccinale all’altezza delle conoscenze attuali, occorre prendere in esame altre problematiche.
PROBLEMATICHE RELATIVE AI VACCINI E AI LORO EFFETTI IMMEDIATI E DI LUNGO PERIODO
Come abbiamo visto, il grado di efficacia dei vaccini è molto variabile, dobbiamo tenere presente altresì che nessun vaccino è mai completamente sicuro. È una verità elementare, che, se si nega, si fa offesa alla scienza e al buon senso e, al tempo stesso, non si convincono i refrattari alle vaccinazioni, che anzi dalla negazione dell’evidenza traggono maggior forza. Gli effetti avversi delle vaccinazioni sono un dato di fatto. Le revisioni della letteratura più affidabili dimostrano che gli effetti avversi gravi ci sono e soprattutto che gli studi sulla sicurezza di vaccini come il trivalente MPR pre e post-marketing sono largamente inadeguati14 . Anche in Italia, pur scontando un sistema di sorveglianza che è un eufemismo definire scarsamente efficiente, le segnalazioni all’AIFA di effetti avversi, successivi alle vaccinazioni, nel 2014 sono state 8.873, di cui una quota (con diverse centinaia di casi) classificata grave (con alcuni decessi). Secondo il Rapporto dell’AIFA15 , il vaccino Morbillo-Parotite-Rosolia (MPR) ha un tasso di segnalazioni di effetti avversi gravi tra i più alti: 201 su 100.000 dosi per un totale di 479 casi nello scorso anno, la cui quota maggioritaria spetta all’abbinamento del trivalente con il vaccino contro la varicella (MPR+V oppure MPRV). Tuttavia, anche l’esavalente ha un tasso elevato di segnalazioni gravi: 166 ogni 100.000. Ora, a fronte di questi numeri, ci pare temerario escludere in modo categorico ogni correlazione causale con i vaccini, come fa l’AIFA nel Rapporto citato, anche in considerazione della scarsa propensione, soprattutto dei medici di riferimento, i pediatri, alla segnalazione, aggravata dall’ assenza di un sistema di sorveglianza strutturato, capillare e affidabile. Tuttavia, ci preme segnalare un aspetto più di fondo, che è stato trascurato o banalizzato nel dibattito pubblico e che invece attiene alla salute della popolazione in tutte le fasce di età: gli effetti dei vaccini sul sistema immunitario del bambino.
I vaccini e il sistema immunitario infantile
Un paradosso dell’attuale scienza dei vaccini è che, mentre da un secolo ferve la ricerca farmacologica sui singoli prodotti, con innovazioni che danno risposte sempre più articolate e diversificate, l’oggetto di questi farmaci è sostanzialmente negletto: pochissimi e recenti sono gli studi sul sistema immunitario del bambino e sull’impatto che i vaccini hanno sul suo sviluppo.
Tutti concordano sul fatto che il sistema immunitario del neonato non è come quello dell’adulto e che, per raggiungere un assetto simile, deve attraversare un processo di maturazione non breve. Ma perché è diverso da quello dell’adulto? Dove stanno le principali criticità? Secondo studi molto recenti16, la principale diversità non starebbe tanto nella composizione cellulare del sistema immunitario neonatale, quanto nel mantenimento dell’assetto precedente alla nascita, l’assetto fetale. In gravidanza, infatti, è essenziale che sia il sistema immunitario materno che quello fetale adottino una posizione di tolleranza reciproca, con il fine di mandare a compimento la gravidanza, che potrebbe essere compromessa da una iperreattività immunitaria verso antigeni non self costituiti da tessuti (madre-bambino) che sono geneticamente parzialmente diversi. A questo fine, oltre che in quello materno, anche nel sistema immunitario fetale abbondano le cellule regolatrici e cioè di moderazione della risposta immunitaria (T regolatori in primis, ma, a livello placentare, anche cellule della linea mieloide) e si struttura un particolare assetto dei linfociti T: depressione del circuito Th1 a favore del circuito Th2. Questo assetto fetale permane anche nei successivi mesi dopo la nascita. Ricordiamo che il circuito Th1 è molto infiammatorio ed è particolarmente efficace verso le infezioni virali, mentre il circuito Th2 è meno infiammatorio (soprattutto in presenza di un forte circuito regolatorio) ed è più attivo verso le infezioni batteriche. Quindi, il sistema immunitario delle prime fasi della vita è naturalmente collocato sul Th2 e deve ancora maturare un efficiente circuito Th1. Che effetti hanno le vaccinazioni su questo assetto neonatale? La letteratura scientifica ci dice che l’alluminio, l’adiuvante più utilizzato non solo nei vaccini per l’infanzia, ma anche per quelli dell’adolescente (come il vaccino contro il Papilloma Virus, HPV), ha un documentato effetto Th217 . A questi effetti di aggravamento dello squilibrio fisiologico neonatale, prodotti dall’alluminio, occorre aggiungere gli analoghi effetti del vaccino MPR, che, di per sé, ha un effetto di ritardo della maturazione del Th1 con persistenza del Th2 18 . Attualmente, pur con tutte le incertezze che sono parte integrante della scienza, che per l’appunto non è dogmatica, la comunità degli immunologi e dei ricercatori pediatri concorda nel relazionare l’iper-reattività del Th2 alla comparsa di allergie, sia di tipo respiratorio (asma, bronchiti, riniti) sia tipo cutaneo e gastrointestinale19 . Squilibrio immunologico che può favorire l’insorgenza nel tempo anche di altre patologie a dominanza Th2, di tipo infettivo, autoimmune e neoplastico. In particolare, questi effetti negativi vengono amplificati in neonati pretermine, in quelli nati con un parto cesareo, nei non allattati al seno, che, in vario grado, presentano uno squilibrio del microbiota, anch’esso in formazione, che ormai sappiamo essere deciso nella costruzione di un sistema immunitario pienamente competente20
PER UNA BUONA POLITICA DI PREVENZIONE PRIMARIA DENTRO CUI PREVEDERE UN USO RAZIONALE ED EFFICIENTE DELLE VACCINAZIONI
I vaccini, nelle diversità di efficacia e protezione sopra delineata – che pertanto, a nostro avviso, richiedono una riformulazione dei programmi di loro utilizzo evitando la scorciatoia autoritaria dell’obbligo generalizzato – sono farmaci che possono essere di grande utilità, se collocati all’interno di un robusto quadro di politiche di prevenzione primaria applicate alle prime fasi della vita. Quello che proponiamo è un salto su qualità nella prevenzione a partire dallo studio delle prime fasi della vita, sapendo che una serie di misure in gravidanza e dopo la nascita possono porre su nuove basi non solo la salute del bambino, ma anche la suscettibilità alle stesse infezioni, verso cui ad oggi non c’è protezione, tra cui non solo il morbillo (la cui vaccinazione è prevista non prima dei 12 mesi di età), ma anche il temibile Virus respiratorio sinciziale, causa di patologie respiratorie anche gravi del neonato e che ha come effetto un ulteriore squilibrio del sistema immunitario neonatale in senso Th2. Il fumo in gravidanza e/o negli ambienti dove vive il neonato, la dieta infiammatoria della donna gravida e che allatta, l’uso di antibiotici in gravidanza, durante il parto e nel neonato, con conseguente disbiosi materna e infantile, il tipo di parto (se vaginale o cesareo), l’inquinamento dell’ambiente di vita, le condizioni di stress causate da incertezza e povertà economica della famiglia, sono tutti potenti fattori di alterazione del sistema immunitario infantile. È illogico, sotto il profilo scientifico (ma forse logico per istituzioni troppo adese all’industria e alle corporazioni professionali), destinare somme ingenti al finanziamento di un inedito e iper-esteso obbligo vaccinale e non intervenire in modo organico sulla protezione della gravidanza, sulla promozione sistematica dell’allattamento al seno, sulla drastica riduzione dei parti cesarei (che in tutto l’Occidente riguardano circa un terzo delle nascite, con alcune regioni italiane, tra cui Campania, Sicilia e Lazio con percentuali ancora maggiori) anche mettendo in campo risoluti interventi restrittivi a livello del servizio sanitario nazionale, sul sostegno psicologico ed economico alla famiglia che ha avuto un bambino. 
Vaccinazioni. Conoscere e rispettare la diversità.
Non solo i vaccini sono diversi tra loro in termini di utilità sociale, ma anche i bambini sono diversi tra loro, talvolta in modo rilevante. La genetica e l’epigenetica ci dicono che ogni individuo è un essere peculiare e che questa peculiarità è di grande rilievo quando il nuovo essere si forma nel corso del tempo, prima e dopo
la nascita. Del resto, la medicina più avanzata si sta orientando sulla personalizzazione della cura, che si gioverà dei progressi in campo genetico ed epigenetico. Di questo cambio di paradigma, che mette al centro la variabilità umana, dovrà tenere conto anche la politica vaccinale. Basti pensare alle nascite prima del tempo, che sono in crescita in tutto l’occidente. L’Italia sembra particolarmente colpita dal fenomeno, con oltre 40.000 bambini che ogni anno, secondo l’OMS, nascono prima della trentasettesima settimana di gestazione. Il sistema immunitario e il microbiota di questi bambini, soprattutto se nati con un cesareo e non allattati al seno, sono particolarmente squilibrati in senso allergico e infiammatorio21. Nei programmi vaccinali, non ha alcun senso scientifico trattare questi bambini prematuri come se fossero nati a tempo. L’effetto probabile delle vaccinazioni potrebbe essere quello di alterare ulteriormente il sistema immunitario. Da qui la necessità di programmi ad hoc per questi bambini che dovrebbero essere seguiti e studiati personalmente da un pediatra competente sull’assetto del sistema immunitario infantile e sugli effetti dell’ambiente e dei farmaci in soggetti prematuri. Ma pensiamo che in linea generale ogni bambino andrebbe studiato adeguatamente dal proprio pediatra prima di essere inviato a un programma vaccinale, che dovrebbe tenere conto delle sue peculiarità e della sua storia clinica e di vita. Ciò rimanda a politiche vaccinali flessibili e che ripensino
l’uso delle formulazioni multiple, sia perché, come abbiamo argomentato, non tutti i vaccini hanno la stessa utilità sociale, sia perché non ci risultano studi controllati, che valutino gli effetti epigenetici della formulazione multipla sul sistema immunitario infantile. Per esempio, sappiamo che l’alluminio e alcuni vaccini hanno l’effetto epigenetico di demetilare i geni che comandano la produzione di cellule Th2, favorendone l’espansione22. Che effetti epigenetici hanno 6 vaccini insieme, seguiti a breve da 4 vaccini insieme? Sotto questo profilo, la “tesi” che non c’è alcun problema a somministrare diversi antigeni insieme, poiché il bambino ogni giorno incontra centinaia di antigeni senza danno, ci sembra non regga ad un esame anche non troppo approfondito, poiché il solo buon senso ci consente di comprendere che gli antigeni multipli, che immettiamo con i vaccini, non sono banali, ma componenti di aggressivi agenti infettivi, che è alquanto irreale incontrare tutti insieme in natura. Il fatto è che nessuno fino ad ora, a nostra conoscenza, ha prodotto dati certi sugli effetti delle formulazioni multiple sul sistema immunitario del neonato e dell’infante. Del resto anche il Parlamento ha previsto l’uso dei vaccini monodose reclamando, contro la granitica convinzione della Ministra della salute, la supremazia del legislatore sulle necessità produttive dell’industria. Il tema dei rapporti delle Istituzioni pubbliche con le industrie produttrici di farmaci, che sta avvelenando la discussione sui vaccini e sulla farmacologia in generale23 , richiede una discussione più ampia, che in varie sedi come SIPNEI abbiamo affrontato e che affronteremo ancor più nel prossimo periodo. Restando al tema vaccinazioni, pensiamo che servirebbe molto alla scienza e alla ricostruzione di un rapporto di fiducia con ampie fasce della popolazione, l’istituzione di una Commissione di valutazione e controllo sui vaccini indipendente e cioè composta da ricercatori, scienziati ed esperti di politica sanitaria che non abbiano legami con l’industria e con le associazioni professionali, spesso molto adese all’industria. Una Commissione sul modello della Task Force statunitense che si occupa di valutazione delle politiche preventive (USTFP), senza legami con l’industria e con le corporazioni professionali. Occorre cioè proteggere la società dalle infezioni, ma anche dagli interessi di parte. In questo quadro, siamo contrari alle vaccinazioni obbligatorie (in linea con tutti i paesi europei più avanzati e da alcuni anni in Veneto, con ottimi risultati), bensì proponiamo una riorganizzazione delle politiche vaccinali, che a livello statale dovrebbe selezionare le priorità epidemiologiche e, a livello territoriale, dovrebbero avere come perno il pediatra, che ha in cura fin dalla nascita il bambino, che verrebbe inserito in finestre di opportunità vaccinale, anche utilizzando i vaccini monodose, in base alle caratteristiche del bambino. Del resto, i genitori dei bambini in età da vaccino, già si sono spontaneamente mossi in questo senso. Come ha documentato la USL 20 di Verona, in un contesto senza obbligo vaccinale come quello veneto, se si controlla la popolazione a 14 anni di età, si nota che, per la poliomielite, la copertura è al 95,51% e, per il morbillo, è al 94%24 .
Siamo convinti che una politica di promozione attiva, centrata sulla flessibilità dei programmi vaccinali, nel quadro di politiche di protezione della gravidanza e di promozione della salute dell’infanzia, permetterebbe un salto in avanti nella prevenzione primaria, da sempre trascurata nel nostro Paese, e porrebbe su basi nuove le relazioni tra cittadini e scienza e tra curati e curanti.
 Il Consiglio direttivo nazionale della Società Italiana di Psiconeuroendocrinoimmunologia
Roma 29.07.2017
Francesco Bottaccioli presidente onorario, professore a contratto nella formazione post- laurea delle Università dell’Aquila e di Torino
Mauro Bologna presidente, professore ordinario di Patologia generale, Università dell’Aquila
David Lazzari past-president, membro dell’Esecutivo nazionale dell’Ordine degli psicologi, direttore del servizio di psicologia clinica dell’Azienda ospedaliera S. Maria di Terni
Marina Risi vice-presidente, professoressa a contratto nel Master in PNEI Università dell’Aquila
Franco Cracolici responsabile del comitato di coordinamento delle sezioni territoriali SIPNEI, medico responsabile nel Servizio di medicina integrata dell’Ospedale di Pitigliano (GR)
Letizia Ferrante psicologa psicoterapeuta, responsabile del coordinamento delle sezioni SIPNEI del meridione d’Italia
Massimo Fioranelli professore associato di Fisiologia, Università G. Marconi, Roma
 Andrea Minelli professore associato di Fisiologia, Università di Urbino
Elisa Paravati neuropsicologa, responsabile del coordinamento delle sezioni SSIPNEI del nord Italia